Home >> Finance Guide,News >> Dichiarazione dei redditi 2017: la guida alla compilazione del modello 730. Prima novità: equiparati matrimonio e unioni civili
Dichiarazione dei redditi 2017: la guida alla compilazione del modello 730. Prima novità: equiparati matrimonio e unioni civili

Dichiarazione dei redditi. Nella nostra rubrica “Finance Guide”, a breve pubblicheremo la guida in ebook per poterla compilare. Nel frattempo anticipiamo alcune novità per la compilazione del modello 730. Novità importante è senza dubbio l’equiparazione tra unione civile e matrimonio. Si tratta di uno degli effetti della complicata quanto discussa Legge Cirinnà. La conferma arriva dalla stessa Agenzia delle entrate. Ma questa non sarà l’unica novità introdotta dalla dichiarazione dei redditi 2017.

Modello 730, tempi e modalità di consegna

Nel 2017, il Modello 730 ovvero la dichiarazione dei redditi per lavoratori dipendenti e pensionati potrà essere consegnata entro luglio.

Dal prossimo 15 aprile sul sito dell’Agenzia delle Entrate ci sarà il modello precompilato secondo le informazioni in possesso dell’ente. Tale modello, se inviato in autonomia dai contribuenti, potrà essere presentato entro il 24 luglio.

Se invece ci si avvale di intermediari, la scadenza è del 7 luglio 2017. Tuttavia l’Agenzia delle Entrate prevede una deroga. Se l’intermediario avrà già trasmesso almeno l’80 per cento della dichiarazione entro il 7 luglio, potrà completarla entro il 24 luglio.

Novità 2017: unioni civili

Per effetto della Legge Cirinnà, nel modello 730 2017 anche le unioni civili avranno gli stessi vantaggi fiscali e diritti riservati ai coniugi di un matrimonio. Questo significa che due partner dello stesso sesso formanti una coppia di fatto avranno la possibilità, a livello fiscale, di essere equiparati a due coniugi di un matrimonio. Si potrà quindi presentare dichiarazione congiunta.

Imu: sulla casa in comodato d’uso sale al 50 per cento

Dichiarazione dei redditi 2017. Novità importanti anche per la casa in comodato d’uso. La tanto discussa tassa sugli immobili, se concessa in comodato d’uso a parenti in linea diretta, potrebbe essere detratta al 50 per cento. Unica accezione è che sia adibita ad abitazione principale. In passato tale vantaggio fiscale era totale. Con la legge di stabilità 2017 è stata introdotta questa modifica.

Nelle prossime settimane l’ebook completo per compilare correttamente il modulo 730. Per il momento si può consultare il sito dell’agenzia delle entrate.

 

the author

Management Control, Finance and WCM Cost Deployment Pillar Leader. I like writing about current issues.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top