Home >> Focus on,News,Politics >> Vitalizi regionali: in Puglia, Sicilia, Lazio e Sardegna gli assegni più corposi. In Toscana gli assegni più bassi
Vitalizi regionali: in Puglia, Sicilia, Lazio e Sardegna gli assegni più corposi. In Toscana gli assegni più bassi

Vitalizi regionali. Conviene ricoprire il ruolo di consigliere regionale? Nel leggere i dati sui vitalizi nelle regioni italiane pare di si. Si ma non dappertutto. Ci sono delle regioni “virtuose” in tal senso e Regioni in cui il vitalizio è più basso rispetto alle altre. Nel rapporto “itinerari previdenziali” che inquadra i dati del 2015 emergono tanti spunti di riflessioni interessanti. Per esempio gli assegni più importanti vengono concessi da Puglia, Sicilia, Lazio e Sardegna.

Il rapporto sui vitalizi delle Regioni Italiane

Vitalizi regionali

Vitalizi regionali – anno 2015

Stando all’ultimo rilevamento anno 2015 in Italia ci sono ben 3.528 pensionati tra indiretti e indiretti. Sul totale viene calcolata una pensione media che, ovviamente, regione per regione segue regole diverse.

In cima alla lista come importo medio annuo percepito c’è la regione Puglia con 77mila euro di vitalizio. In fondo alla Piramide la Regione Toscana con una media di 26mila euro circa di vitalizio. Un divario di ben 50mila euro. Ci verrebbe da chiedere: ma cos’hanno di diverso i consiglieri pugliesi rispetto ai colleghi toscani? Tecnicamente nessuna.

Al secondo, terzo e quarto posto di questa speciale classifica per vitalizio medio annuo troviamo il Lazio (63mila), la Sicilia (60mila) e la Sardegna (58mila). Queste regioni sono ben oltre la media italiana che si attesta intorno ai 45mila euro annui.

Importante analizzare come Sardegna, Lazio, Puglia e Sardegna spendano tra i 10 ed i 13milioni annui per i vitalizi. Un po’ troppi. Si pensi che con questi importi si potrebbe finanziare l’occupazione (quella vera ndr), le infrastrutture e sostenere le aziende in crisi, soprattutto in Puglia e sulle isole.

Per quanto riguarda il maggior numero di vitalizi attivi, a contendersi la vetta, ci sono la Sicilia (312) e la Sardegna (311). Eh si, sulle Isole si vive meglio.

Questo rapporto è un’utile analisi per i vari analisti economici e politici per riflettere sulla spending review che spesso è a carico dei cittadini e non della “casta” politica. Ma ovviamente, questi dati, rimarrà una notizia su un blog di nome ZenEconomy.

the author

Management Control, Finance and WCM Cost Deployment Pillar Leader. I like writing about current issues.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top